venerdì 17 ottobre 2014

LA CITTA' CANTIERE DI UBALDI E QUELLA DEI RAGAZZI CON LE PALE

Se non fosse dipartito un paio di settimane fa, Elvio Ubaldi avrebbe potuto vedere da vicino, in presa diretta e in tempo reale, gli strabilianti effetti della sua magnifica "città cantiere".
Abitava nello stesso quartiere, il Montanara, andato sott'acqua per la furia del Baganza e avrebbe potuto assistere - magari aggrappato al camino o all'antenna della Tv, scappato sul tetto della casa per tema di vedersi arrivare addosso fra le sue mura domestiche tonnellate di melma - allo straripamento del torrente, allo sradicamento della vegetazione, al rumore sinistro dei container e degli alberi sbattuti contro i ponti, allo schianto delle automobili sollevate dalle strade come fossero bidoni di plastica, scaraventate contro i muri, le cancellate dei palazzi, i tronchi delle piante e parcheggiate, magari con le ruote all'insù, nell'orto di un vicino.



E poi, il giorno dopo, avrebbe potuto vedere l'altra faccia prodotta da quella "sua" città cantiere. Un piccolo esercito di ragazzini, vestiti con jeans e stivali di gomma, armati di scope e pale, passare di casa in casa a soccorrere le persone anziane, svuotare dal fango cantine, garage e primi piani delle case, ammassare detriti e suppellettili distrutti, ripulire strade e marciapiedi.
Un piccolo esercito di ragazzini, parmigiani o piovuti da chissà dove, che andava ingrossandosi  di ora in ora, che, senza chiedere nulla in cambio, faceva materialmente sentire a tanta gente disperata, che per tante ore si era sentita abbandonata a se stessa, che non erano soli ad affrontare quella immane tragedia. Un piccolo meraviglioso esercito di ragazizni che in poco tempo è diventato la vera protezione civile in questa città dove incredibilmente, nel momento dell'emergenza, erano saltate tutte le comunicazioni, anche quelle via internet che di solito si sostituiscono a quelle telefoniche in caso di calamità.
Ecco le due facce di Parma. Una città devastata da una natura che si è ribellata a politici inetti e megalomani che per decenni hanno sperperato montagne di pubblico denaro per opere assurde e inutili. O meglio, utili solo ai cementificatori che le costruivano, non certamente ai cittadini che le pagavano.

E l'ultima montagna di soldi dei cittadini veniva "sputtanata" da Ubaldi per costruire la più demenziale cattedrale nel deserto che mente umana potesse concepire. Mi riferisco, ovviamente, a quel ponte a nord sulla Parma che, in occasione di quest'ultima piena, ha rischiato addirittura di  ostruire un torrente che si era inteso mettere in sicurezza costruendo quelle casse di espansione in località Mamiano che pare abbiano salvato in questi giorni la città da una inondazione che avrebbe rappresentato una catastrofe di inimmaginabili proporzioni.
Ebbene il mixage fra politici e amministratori  megalomani e servi dei potenti, architetti scriteriati e costruttori famelici, abituati a  mungere gli enti  pubblici "collusi" fino a mangiarsi anche le mammelle, ha prodotto quella costruzione obroriosa in mezzo al torrente, contro la quale è andata paurosamente ad infrangersi l'ondata di piena della Parma. Una vera e propria cattedrale nel deserto che da qualsiasi altra parte del globo avrebbe anche portato in galera i suoi ideatori perché concepita nel totale disprezzo delle norme giuridiche che vietano tassativamente di costruire manufatti destinati ad essere abitati sugli alvei dei fiumi.

Ma quello che è peggio è che quella montagna di denari pubblici, sperperata per questa demenziale opera abusiva, poteva  e doveva essere impiegata per mettere in sicurezza il torrente Baganza con la costruzione a monte della città  di quelle casse di espansione che avrebbero evitato la drammatica esondazione che ha sommerso il quartiere Montanara. Perché non si è usato quella montagna di soldi pubblici per costruire un'opera che in un protocollo di intesa fra Stato e Regione Emilia Romagna era stata dichiarata  urgente e prioritaria, per mettere in sicurezza una città di 180 mila abitanti?
Perché il piccolo zar di provincia ha preferito e i suoi politici di riferimento romani hanno preferito scialacquare quei soldi in una costruzione abusiva sul greto della Parma? Un'opera assurda e criminale che andava ad aggiungersi a tante altre della stessa categoria, come il ponte sbilenco a sud sulla Parma, la passerella ciclopedonale sulla via Emilia, lo scempio di piazza Ghiaia e altre solo immaginate  progettate da quei cervelli megalomani e per fortuna abortite come la follia della metropolitana e lo stupro dell'Ospedale
Vecchio.

L'unico aspetto positivo di questa terribile tragedia che ha colpito un grande quartiere della nostra città, è stato lo spuntare come funghi di qegli straordinari ragazzi - di cui Parma evidentemente è ricca - che in questi giorni hanno riempito la "città cantiere" ricevuta in eredità da Ubaldi che, con stivali, scope e pale, senza che nessuno glielo chiedesse, e senza ricevere nulla in cambio, hanno restituito a questa nostra città la dignità perduta e hanno rappresentato per tanta gente caduta in ginocchio un motivo valido per continuare ad avere speranza nel futuro.

Nessun commento:

Posta un commento